Home SPORT F1 GP d’...

F1 GP d’Ungheria | A sorpresa Russell firma la prima pole dell’anno per Mercedes

CONDIVIDI

Nella debacle della Red Bull (Perez fuori in Q2 e Verstappen 10°), i ferraristi – secondo Sainz e terzo Leclerc – sono incredibilmente beffati dalla Mercedes di George Russell; Hamilton solo settimo

Prove libere un po’ pazze influenzate dal meteo e dominate da Nicholas Latifi (unico driver a zero punti ad oggi in classifica mondiale) che con la sua Williams ha siglato il miglior tempo (1’41’’480) rifilando quasi 7 decimi alla Ferrari di Leclerc, seguito dall’altra Williams di Albon e dalla Red Bull di Verstappen (1’43’’205).

credit: @Scuderia Ferrari

Le prove ufficiali hanno ristabilito le gerarchie ma non senza dare qualche rimescolata ai tradizionali valori in campo partendo dalla splendida pole siglata, con sorpresa di tutti, da uno stratosferico George Russell che in Ungheria ha dato il meglio di sé sul giro secco dando  fiato alla Mercedes e, in particolare, a Toto Wolff; 1’17″377 è stato il crono del bravissimo pilota britannico che si è messo dietro per soli 44 millesimi la Ferrari di Sainz e di quasi due decimi quella di Leclerc seguito a sua volta da Lando Norris su McLaren che ha preceduto le due Alpine di Ocon e Alonso.

Solo settimo Lewis Hamilton, seguito dall’Alfa Romeo di Valtteri Bottas e dalla McLaren di Daniel Ricciardo mentre Max Verstappen, con la sua Red Bull vittima di problemi elettrici, è solo decimo con la Red Bull; sfumato quindi – e speriamo solo rimandato – il sogno della prima fila in rosso.

Una «buona» notizia, in chiave mondiale, potrebbe venire dal 10° posto di Max Verstappen, una sfortuna che solo in parte bilancia quella che assai spesso ha preso di mira Maranello in questa prima parte di campionato; la power unit dell’olandese ha avuto un problema proprio nel corso dell’ultimo giro buono mentre Perez non è riuscito a trovare il giusto feeling con la su RB18.

C’è comunque da dire che oggi il meteo (pioggia e basse temperature) non è stato favorevole alle monoposto di Maranello; le precipitazioni mattutine hanno abbassato le temperature e ripulito la pista. Questa circostanza – unita ai problemi incontrati per tutta la durata delle prove da Leclerc nel portare in temperatura le sue gomme Soft – ha permesso alle altre monoposto di accorciare le distanze rispetto alle F1-75; l’indiscutibile talento di Russell ha poi fatto il resto.

Le dichiarazioni (Fonti varie)

Charles Leclerc: “Delusione mitigata dai guai di Max? No, ci concentriamo su di noi. Sì, gli altri hanno avuto problemi, ma avrei voluto essere in pole e non ci siamo… Non è stata una buona giornata, ho faticato con le gomme, ho faticato a metterle nella giusta finestra d’utilizzo e a mettere assieme il giro. Domani però il passo abbiamo dimostrato di averlo e speriamo vada meglio…. L’assetto andava abbastanza bene. Sentivo di avere margine. Non so cosa sia successo in Q3. Le temperature sono cambiate e per me è cambiato tanto. Le gomme non erano più nella finestra giusta. Il feeling era strano in Q3…. Il passo c’è, dobbiamo capire cos’è successo oggi e sono certo che potremo andare molto meglio domani. Non so se rivedremo domani la stessa Ferrari di ieri. la gara sarà lunga e credo che su quello siamo preparati, non dovremmo avere brutte sorprese. Oggi c’è qualcosa da imparare, ma speriamo di essere pronti per domani”.

credit: @Scuderia Ferrari

Carlos Sainz Sky Sport F1“Mi sento sempre meglio con la macchina. Oggi sentivo di avere il passo per fare la pole position, ci è sfuggita nell’ultimo settore. Ho fatto qualche errore, ma congratulazioni a George, ha fatto davvero un bel giro alla fine con la sua macchina. Ottimo risultato comunque… Il passo per vincere ce l’abbiamo. La partenza e la gestione delle gomme avranno un ruolo chiave, come sempre. Il passo della Mercedes è un’incognita e dovremo vedere come si svilupperà la gara domani. Se riusciremo a passarli in partenza meglio, però sarà una gara emozionante… Il giro è stato buono, avevo tutto sotto controllo e facevo passi nella giusta direzione. Abbiamo fatto dei buoni giri, il secondo tentativo del Q3 non è stato sufficiente per la pole. Con un giro perfetto penso che sarei stato davanti”.

Laurent Mekies Racing Director Ferrari: “È stata una qualifica particolare perché dopo la pioggia di questa mattina ci siamo ritrovati con una pista non gommata e con temperature molto più basse di quelle di ieri, per cui è stato come ripartire da capo. Carlos e Charles sono stati autori di una buona progressione nel corso delle varie fasi e, come ci aspettavamo, si è trattato di una lotta sul filo dei millesimi. Credevamo che avremmo dovuto vedercela con Max Verstappen e Sergio Perez e invece alla fine si è infilato anche George Russell, che si è aggiudicato la pole position per un soffio su Carlos. Tanti complimenti a lui e al suo team. Nel complesso siamo soddisfatti di questo sabato perché abbiamo ottenuto un buon risultato di squadra che ci permette di schierarci al via domani in condizione di giocarci le nostre carte per portare a casa il massimo risultato. Questa sera, in pista così come a Maranello, analizzeremo i dati raccolti oggi perché domani probabilmente nel Gran Premio troveremo condizioni simili e non siamo ancora completamente soddisfatti del lavoro fatto fin qui. Mi aspetto una gara avvincente, una lotta che coinvolgerà tre squadre nella quale vogliamo essere protagonisti”.

Max Verstappen a Motorsport.com: “No, ancora non ho parlato con il team per quel che riguarda il problema che abbiamo avuto. Il motore andava bene, dobbiamo verificare cosa sia accaduto alla batteria che non rilasciava potenza. Abbiamo cercato di risolvere il problema, ma non ci siamo riusciti… Credo che in gara non avremo problemi, ma è un peccato che questo problema sia capitato in qualifica. Partire dalla decima posizione non è l’ideale anche perché abbiamo avuto un buon passo. La vettura andava molto bene oggi su una pista che non si addice molto a noi…. Ad ogni modo non credo sia necessario procedere alla sostituzione della power unit ed andare in penalità. Sono consapevole che partirò dalla decima posizione e sarà difficile superare, ma quest’anno si è già visto che in gara può succedere di tutto. Dobbiamo mantenere la calma e prendere le decisioni giuste. E sperare di non perdere troppi punti”.

 

Griglia di partenza

1° George RUSSELL Mercedes 1:17.377
2° Carlos SAINZ Ferrari
3° Charles LECLERC Ferrari
4° Lando NORRIS McLaren
5° Esteban OCON Alpine
6° Fernando ALONSO Alpine
7° Lewis HAMILTON Mercedes
8° Valtteri BOTTAS Alfa Romeo
9° Daniel RICCIARDO McLaren
10° Max VERSTAPPEN Red Bull Racing
11° Sergio PEREZ Red Bull Racing
12° Guanyu ZHOU Alfa Romeo
13° Kevin MAGNUSSEN Haas F1 Team
14° Lance STROLL Aston Martin
15° Mick SCHUMACHER Haas F1 Team
16° Yuki TSUNODA AlphaTauri
17° Alexander ALBON Williams
18° Sebastian VETTEL Aston Martin
19° Pierre GASLY AlphaTauri
20° Nicholas LATIFI Williams

La top ten del Q3
1°   Russell Mercedes 1’17″377
2°   Sainz Ferrari +0″044
3°   Leclerc Ferrari +0″190
4°   Norris McLaren +0″392
5°   Ocon Alpine +0″641
6°   Alonso Alpine +0″701
7°   Hamilton Mercedes +0″765
8°   Bottas Alfa Romeo +0″780
9°   Ricciardo McLaren +1″002
10°  Verstappen Red Bull +1″446