Home SPORT Alla 6 Ore di...

Alla 6 Ore di Spa-Francorchamps trionfo Ferrari con i Campioni del mondo Pier Guidi e Calado

CONDIVIDI

Nella seconda prova del FIA World Endurance Championship le Ferrari prima, con Alessandro Pier Guidi e James Calado, e terza, con Miguel Molina e Antonio Fuoco

 

Grande prova da parte dell’equipaggio Campione del Mondo, composto da Alessandro Pier Guidi e James Calado, che si imposto nella 6 Ore di Spa-Francorchamps, seconda prova del FIA World Endurance Championship e caratterizzata da condizioni meteo avverse e imprevedibili. La Casa di Maranello ha completato il trionfo con il terzo posto del podio dei compagni di squadra Miguel Molina e Antonio Fuoco.

La gara è stata ricca di colpi di scena, soprattutto a causa del meteo che, come da previsioni e da tradizione, ha rimescolato le carte, facendo emergere le doti di pilotaggio e di strategia rispetto a quelle legate alle prestazioni pure delle vetture, annullando parzialmente vantaggi e svantaggi del Balance of Performance. Nelle condizioni difficili, come spesso accade, gli equipaggi Ferrari e il suo muretto hanno fatto la differenza, permettendo alla Casa di Maranello di ottenere il primo trionfo stagionale.

La corsa è stata caratterizzata da tre bandiere rosse e numerose fasi di Safety Car, sia per l’abbondante acqua presente in pista, sia per i numerosi incidenti e le uscite di pista, tutti fortunatamente senza conseguenze.

La gara

Le Ferrari si sono portate al comando dopo la seconda ora con la 488 GTE guidata da Miguel Molina davanti alla gemella condotta in quel momento da Alessandro Pier Guidi con l’italiano in grado di superare la Porsche numero 92 sull’asfalto bagnato, dal momento che in precedenza, con l’asciutto, le due vetture di Maranello faticavano a mantenere il passo dei primi.

Nel finale, con pista asciutta, James Calado – che nel frattempo aveva ereditato la prima posizione da Fuoco mentre quest’ultimo effettuava una rapida sosta ai box durante una fase di Full Course Yellow – utilizzava tutta la sua esperienza, velocità e talento per difendere la prima posizione dagli attacchi della Porsche numero 92. Il Campione del Mondo riusciva a rintuzzare ogni tentativo del rivale tagliando il traguardo vittorioso. Terzo posto al termine di una prestazione eccellente, per Miguel Molina e Antonio Fuoco, con lo spagnolo superlativo nel momento in cui le condizioni erano più difficili e l’italiano danneggiato da un doppiaggio che lo ha privato della possibilità di conquistare un meritato secondo posto.

Classe LMGTE Am

Gara complicata per le Ferrari ma con un’ottima prestazione da parte della 488 GTE numero 54 di AF Corse, arrivati quarti dopo una grande rimonta con Thomas Flohr, Francesco Castellacci e Nick Cassidy.