Home SPORT Dakar 2021. N...

Dakar 2021. Nona tappa: la prima di Peterhansel tra le auto, per le moto Benavides

CONDIVIDI

Stéphane Peterhansel ha conquistato con la sua MINI il suo primo successo di tappa precedendo di ben 12 minuti la Toyota del qatariota Nasser Al-Attiyah. Nelle moto doppietta Honda, con Benavides e Brabec, Price cade e si frattura. Nei Quad vince Giovanni Enrico e nei Camion finalmente primo l’Iveco di Macik

Nona tappa con partenza ed arrivo a Neom: 579 km con 465 di prova speciale; un percorso, bellissimo dal punto di vista paesaggistico, composto da terra, roccia e asfalto che si rivelerà insidioso e comunque più difficile del previsto tanto da presentare il conto a più di un concorrente.

Auto

Stéphane Peterhansel, leader della generale senza aver mai vinto una tappa finalmente interrompe questa maledizione e conquista la sua prima vittoria: una gara condotta con intelligenza e grande senso tattico che ha dato sino a ieri i suoi frutti nella generale ma alla quale mancava la zampata, la vittoria di classe contesa nei primi cento km da Mathieu Serradori, poi seminato.

Il primo posto di oggi regala al francese un ulteriore margine su Nasser Al-Attiyah (foto sopra), svantaggiato dal fatto di fare da apripista ed in più vittima di due forature che, con 12” di ritardo, vede salire il suo distacco nella generale a 17’ e 50” a tre tappe dalla fine, mentre Baragwanath è terzo a quasi 14’.

Carlos Sainz, vittima di problemi ai freni, deve fermarsi per riparare la sua MINI e finisce la prova con oltre un’ora di distacco nella generale dando così addio ad ogni speranza di vittoria finale (anche se il terzo posto nell’assoluta sembra ancora essere alla sua portata), mentre Giniel De Villiers (Toyota) si piazza al terzo posto di tappa interrompendo così la sua serie negativa e mettendosi dietro, a soli 25”, Yazeed Al Rajihi con l’altra Toyota.

Brian Baragwanath e Taye Perry

Quinto tempo per l’inossidabile Nani Roma, rimasto unico rappresentante del team BRX Prodrive. Ritiro eccellente quello di Sebastien Loeb, a conclusione di una gara tribolata ricca tanto di sbagli quanto di inconvenienti tecnici, mentre Cyril Despres e Khalid Al Khassimi concludono rispettivamente settimo e ottavo con le loro indistruttibili Peugeot dell’Abu Dhabi Racing.

Moto

La classe moto perde uno dei suoi attori protagonisti, Toby Price (KTM) che, caduto nel corso della speciale, viene prima assistito da Brabec e Sam Sunderland e poi ricoverato all’ospedale di Tabuk, per sospette fratture multiple.

Il ritiro di Price facilita l’avvento delle Honda di Kevin Benavides (nella foto) e Jose Ignacio Cornejo Florimo, rispettivamente primo e secondo all’arrivo. Benavides ha firmato il miglior crono in 4h 49’15” proseguendo nella rimonta sul cileno, attualmente leader della classifica con 11’24” di vantaggio dopo il terzo posto di oggi.

Cornejo, assente Price, scala la vetta della generale seguito da Luciano Benavides (foto sotto) che poi cade a sua volta, si fa male ad una spalla e deve ritirarsi, come pure Ross Branch, che rompe il motore della sua Yamaha.

Va male anche per Joan Barreda che, prima di fermarsi anche lui per soccorrere Price, aveva commesso un errore di navigazione che gli era costato 20 minuti mentre della KTM rimane solamente Sunderland, oggi quarto e staccato di 14′ nella generale.

Quad

La lotta fra Giovanni Enrico, Manuel Andujar e Alexandew Giroud – tutti a lungo raggruppati in 30 secondi – vede prevalere al traguardo il cileno, che batte Giroud di un minuto e mezzo, e l’argentino di 1’ e 45” ma che, pur arrivando terzo, continua a mantenere la testa dell’assoluta, con 19’28” di vantaggio su Giroud.

Camion

Finalmente l’Iveco (che Macik ha voluto chiamare «Charles») è per la prima volta in tutta questa Dakar, davanti all’armata Kamaz battendo Mardeev e Sotnikov, con un distacco di quasi due minuti e mezzo anche se quest’ultimo ha dalla sua un bel vantaggio da gestire nella generale.

Chissà cosa potrebbe fare l’Iveco se la partecipazione fosse ufficiale… Male Aliaksei Vishneuski (MAZ) che perde 25 minuti dopo un ottimo avvio.

Venerdì prossimo sarà il giorno conclusivo di questa Dakar ma prima i concorrenti dovranno superare la decima tappa, da Neom a Al Ula, di 583 km con 342 km di speciale.

[ Giovanni Notaro ]

 

CLASSIFICA GENERALE AUTO

1 S. PETERHANSEL X-RAID MINI JCW T 34h 26′ 16”
2 N. AL ATTIYAH TOYOTA G. RACING 34h 44′ 06”   +      17′ 50”
3 300 CARLOS SAINZ X-RAID MINI J. TEAM 35h 28′ 41”   + 1h 02′ 25”
4 J. PRZYGONSKI O. T OVERDRIVE  36h 42′ 46”   + 2h 16′ 30”      02′ 00”
5 311 NANI ROMA BAHRAIN RAID X. 37h 08′ 54”   + 2h 42′ 38”
6 310 AL KASSIMI  ABU DHABI RACING 37h 27′ 29” +    3h 01′ 13”
7 317 V. VASILYEV X-RAID TEAM 37h 36′ 33” +    3h 10′ 17”
8 312 MARTIN PROKOP BENZ. ORLEN TEAM 38h 02′ 17” +    3h 36′ 01”       01′ 00”
9 304 Gin. DE VILLIERS TOYOTA GAZOO R. 38h 06′ 25” +    3h 40′ 09”       21′ 00”
10 326 C. LAVIEILLE MD RALLYE SPORT 38h 36′ 48” +    4h 10′ 32”

CLASSIFICA GENERALE DAKAR MOTO 

POS.     DRIVE-TEAM MARK-MODEL TIME VARIATION PENALITY
1 J. I. C. FLORIMO M. E. HONDA T.   36h 51′ 00”
2 K. BENAVIDES M. E. HONDA T.   37h 02′ 24”   +     11′ 24”    02′ 00”
3 S SUNDERLAND RED B KTM F T   37h 05′ 34”   +     14′ 34”
4 R. BRABEC M. E. HONDA T.   37h 08′ 26”   +     17′ 26”
5 J. BARREDA M. E. HONDA T.   37h 20′ 00”   +     29′ 00”
6 D. SANDERS KTM F. TEAM   37h 29′ 23”   +     38′ 23”    07′ 00”
7 S. HOWES B. D. KTM R T   37h 31′ 25”   +     40′ 25”    06′ 00”
8 15 L. SANTOLINO SHERCO FACT.   37h 33′ 08”   +     42′ 08”
9 2 P QUINTANILLA R E HUSQVARNA   37h 51′ 37”   + 1h 00′ 37”
10 42 A V BEVEREN M E YAMAHA RT   37h 53′ 48”   + 1h 02′ 48”

CLASSIFICA GENERALE QUAD

1  M. ANDUJAR 7240 TEAM 46h 35′ 11”
2 A. GIROUD TEAM GIROUD 46h 54′ 39” + 19′ 28”
3 G. ENRICO ENRICO RAC T 46h 59′ 26” + 24′ 15”
4 163 PABLO COPETTI MX DEV. BERTA 49h 32′ 24” + 57′ 13” 16′00”
5 168 ITALO PEDEMONTE ENRICO RAC TEAM 49h 39′ 45” +3h 04′ 34”  05′ 00”

CLASSIFICA GENERALE CAMION

1 D. SOTNIKOV KAMAZ MASTER 37h 42′ 49”
2 A. SHIBALOV KAMAZ MASTER 38h 27′ 52” +        45′ 03”
3 A. MARDEEV KAMAZ MASTER 38h 55′ 54” +   1h 13′ 05” 02′ 00”
4 A. LOPRAIS INST LOPRAIS PR 39h 13′ 04” +   1h 30′ 15”
5 M. MACIK BIG SHOCK RAC. 39h 31′ 58” +   1h 49′ 09” 01′ 00”
6 A. VISHNEUSKI MAZ-SPORTAUTO 39h 57′ 43” +   2h 14′ 54” 02′ 00”
7 A. KARGINOV KAMAZ  MASTER 40h 22′ 00” +   2h 39′ 11” 23′ 00”
8 M V D BRINK MAMMOET RSPORT 40h 42′ 43” +   2h 59′ 54”