Home SPORT Dakar 2021. Q...

Dakar 2021. Quinta tappa: de Villiers vince fra le auto, Benavides fra le moto

CONDIVIDI

Doppietta sudafricana con Giniel de Villiers su Toyota Gazoo Racing, che ha superato indenne le insidie della Riyadh-Al Qaisumah di 661 km, con 456 km cronometrati, precedendo il connazionale Brian Baragwanath su Century CR6. Per le moto Kevin Benavides su Honda fa doppietta con vittoria di tappa e classifica. Quad e Camion rispettivamente a Cavigliasso e Sotnikov

Questa quinta tappa di 661 chilometri da Riyadh ad Al Qaisumah con 456 di speciale (la parte più impegnativa della tappa), si è disputata con i concorrenti alle prese con dune e navigazione difficile, e questo ha inciso su qualche risultato finale. 

Auto

de Villiers (Toyota) si è messo dietro Brian Baragwanath (Century CR6) di soli 58″ e di 2’25” Stephane Peterhansel – che mantiene la leadership in classifica generale – mentre il qatariota Nasser Al-Attiyah, quarto a oltre 4′ 38” accusa un ritardo di 6’11” nella generale dove mantiene comunque la seconda posizione. La lotta per la vittoria finale sembra dunque circoscriversi al primo ed al terzo di tappa visto che Carlos Sainz, terzo nella generale, è distanziato di 48’13”.

de Villiers è in questa Dakar emerso alla distanza ed oggi, in testa sin dalle prime battute ha guadagnato sino a 7 minuti su Baragwananth, vantaggio poi sceso a 58”; grazie all’ottima progressione mantenuta a quest’ultimo lungo l’arco di tutta la tappa. Peterhansel, buon terzo di tappa, riesce comunque ad allungare in classifica generale su Al-Attiyah.

È mancato all’appuntamento con una nuova, maiuscola prestazione il giovanissimo Lategan (2° e 3° nelle due tappe precedenti), incappato poco dopo la partenza in una bruttissima uscita di strada che, affrontato un dosso con foga eccessiva, è atterrato in malo modo facendo rimbalzare il posteriore della sua Toyota Hilux in modo talmente violento da far innescare una capriola in avanti con un impatto che ha causato a Lategan la frattura della clavicola mentre il suo navigatore Bret Cummings se l’è cavata senza conseguenze.

Sainz e Loeb, poco dopo la partenza si sono persi ma mentre lo spagnolo firmava una rimonta da urlo che lo portava a contenere il ritardo in circa 15 minuti, Loeb ha chiuso la tappa con 50 minuti di ritardo da De Villiers (1h e 40’ in generale) riducendo al lumicino le speranze di un buon risultato.

Comunque Sainz a fine tappa, ha definito nel corso in un’intervista la Dakar di quest’anno una gimkana dando una stoccata agli organizzatori che in sede di presentazione avevano evidenziato le difficoltà di navigazione che i concorrenti avrebbero incontrato.

Moto

Qui trionfa l’argentino Kevin Benavides (Monster Energy Honda) che chiudendo in 5h 9’50” è salito al comando della classifica generale mentre in quella di tappa ha dato un minuto al suo compagno di squadra José Cornejo, e 1’20” all’australiano Toby Price che, con la sua KTM, sta comunque recuperando ed è ora quarto nella generale.

Da registrare l’incidente dell’italiano Lorenzo Piolini caduto con qualche conseguenza fisica (sospette fratture a mano e scapola); anche Benavides è rimasto vittima di una caduta con conseguente ferita al naso ma, ciononostante, ha vinto anche se con 1 solo minuto di vantaggio sul secondo.

Giornata no per Joan Barreda: lo spagnolo della KTM non solo non riesce a replicare la vittoria di ieri ma lascia per strada 17 minuti ed arriva undicesimo.

Per quanto attiene alla classifica general, detto di Benavides ora primo e Price, quarto, ricordiamo che de Sultrait è secondo a 2’31” e Cornejo Florimo terzo a 3’42”.

Quad

Nicolás Cavigliasso (Drag’On Rally Team) ha sempre controllato la situazione alle sue spalle e grazie a questa nuova vittoria di tappa, ha messo dietro di se’ il connazionale Manuel Andújar (7240 Team) giunto a 1′ 41”. Cavigliasso, che ha vinto la Dakar 2019, continua a mantenere la leadership della generale con 23′ 48” di vantaggio su Andújar mentre il francese Alexandre Giroud, al comando della classifica generale nelle prime due giornate, ha commesso un errore di navigazione e al momento è stato staccato di oltre 20 minuti. 

Camion

Quasi una gara di velocità, considerando la mole di questi bestioni, e infatti la classifica della tappa di oggi si è decisa negli ultimi chilometri con Andrey Karginov (Kazan Master) che vince in 5h 26′ 39” con soli 2′ 42 di vantaggio sul bielorusso Aliaksei Vishneuski (Maz-Sportauto) mentre Dmitry Sotnikov (Kazan Master), terzo a 3′ 41”, mantiene la leadership in classifica generale davanti al compagno Anton Shibalov, distanziato di 33′ 53”.

La tappa di domani tra Al Qaisumah e Hail, consta di 618 chilometri, di cui 448 di speciale, su strada ma con molte dune, sabbia e qualche pietra; per contro dovrebbero esserci meno problemi di navigazione.

 [ Giovanni Notaro ]

  

Auto: classifica quinta tappa

Pos Pilota Auto Tempo/Distacco
1 G. de Villiers Toyota 5h 19’ 25”
2 B. Baragvanath Century +58”
3 S. Peterhansel Mini +2’25”
4 N. Al-Attiyah BRX +4’38”
5 M. Prokop Ford +5’06”
6 Y. Al Rahji Toyota +9’16”
7 O. Terranova Mini +7’22”
8 N. Roma ProDrive +9’24”
9 C. Sainz Mini +15’19”
10 J. Przygonski Toyota +18’58”

 Auto: classifica generale dopo la quinta tappa

Pos Pilota Auto Tempo/Distacco
1 S. Peterhansel Mini 18h 28’ 02”
2 N. Al-Attiyah Toyota +6’11”
3 C. Sainz Mini +48’13”
4 J. Przygonski Toyota +01.04’49”
5 M. Prokop Ford +01.10’32”
6 S. Al Qassimi Toyota +01.21’21”
7 N. Roma Pro Drive +01.24’56”
8 O. Terranova Mini +01.30’05”
9 B. Baragvanath Century +01.38’50”
10 S. Loeb BRX +01.40’07”

Moto: classifica quinta tappa

Pos Pilota Moto Tempo/Distacco
1 K. Benavides Honda 5h 9’50”
2 J.I. Cornejo Florimo Honda +1’00”
3 T. Price KTM +1’20”
4 L. Santolino Sherco +2’29”
5 S. Sunderland KTM +4’17”
6 X. de Soultrait Husqvarna +7’55”
7 S. Howes KTM +10’43”
8 M. Walkner KTM +11’03”
9 R. Brunch Yamaha +11’05”
10 P. Quintanilla  Husqvarna +12’15”

Moto: classifica generale dopo la quinta tappa

Pos Pilota Moto Tempo/Distacco
1 K. Benavides Honda 20h 15’ 39”
2 X. de Soultrait Husqvarna +2’31″
3 J.I. Cornejo Florimo Honda +3’42″
4 T. Price KTM +3’43”
5 S. Sunderland KTM +6’06”
6 L. Santolino Sherco +9’31”
7 S. Howes KTM +10’45”
8 R. Branch Yamaha +11’05”
9 J. Barreda Honda +14’02”

10

L. Benavides

Husqvarna

+14’30”

Quad: classifica generale dopo la quinta tappa

Pos Pilota Moto Tempo/Distacco
1 N. Cavigliasso Drag’on Rally Team 24h 23’ 30”
2 M. Andujar 7240 Team 24h 47’ ’18″
3 A. Jaraud Team Giaraud 23h 10’ 53″
4 G. Enrico Enrico Racing Team 25h 15’ 16”
5 P. Copetti MX Devesa by Berta 26h  04’ 59”
6 I. Pedemonte Rnrico Racing Team  26h 17’ 06”
7 T. Kubiena Story Racing S.R.O.  27h 30’ 00”
8 K. Wisniewski Story Racing S.R.O. 28h 00’ 25”
9 R. Dutu SMX Racing 28h 52’ 26”
10 T. Vingut Visit S. Antoni Ibiza 28h 22’ 54”

Camion: classifica generale dopo la quinta tappa

Pos Pilota Moto Tempo/Distacco
1 D. Sotnikov Kamaz Master 24h 23’ 30”
2 A.Shibalov Kamaz Master 24h 50’ 11″
3 M. Macik Big Shock Racing 21h 27’ 29″
4 A. Loprais Istaforeex Loprais 25h 15’ 16”
5 A. Mardeev Kamaz Master 21h  19’ 09”
6 I. Casale Tatra Buggy Racing  21h 43’ 37”
7 A. Wishneuski Maz  Sportauto  21h 45’ 37”
8 M. Soltys Story Racing S.R.O. 28h 00’ 25”
9 A. Karginov Kamaz Master 22h 14’ 54”