Home SPORT Volkswagen ID...

Volkswagen ID R, primi test al Nürburgring

CONDIVIDI

La Volkswagen Motorsport si prepara per tentare il record al Nürburgring con la 100% elettrica ID R, dopo aver già stabilito il miglior tempo alla Pikes Peak

Come già anticipato nel precedente articolo, lo scorso 26 aprile la Volkswagen ID R ha saggiato l’asfalto della Nordschleife. Infatti, dopo aver battuto il record di Sebastian Loeb alla Pikes Peak, la Vw ha preso di mira il Nürburgring come terreno di caccia per il prossimo record. A tentare l’impresa sarà Romain Dumas che ha testato due diversi telai della ID R sui 20,832 km del Nürburgring-Nordschleife, cercando di apportare le ultime migliorie alla vettura in vista del tentativo per il record che si terrà quest’estate. Dopo i test in pista della 100% elettrica da 680 cavalli, il pilota francese ha dichiarato: “Le velocità in curva della ID R sono molto più elevate rispetto a quelle delle GT da competizione cui sono abituato. Ma mi sento bene al volante e questo è molto importante. Il Nürburgring-Nordschleife ha un fondo molto più ricco di dossi e compressioni rispetto ai circuiti su cui abbiamo provato finora. Quindi, ci siamo concentrati su ammortizzatori e altezza da terra, per adattarli alle caratteristiche uniche di questa pista”.

Ma i 2 telai non sono stata l’unica cosa ad essere testata. Infatti Sven Smeets, Direttore della Volkswagen Motorsport, dopo aver premesso “il Nürburgring-Nordschleife ci ha dato filo da torcere” ha dichiarato: “Sulla base di simulazioni al computer effettuate in precedenza, in questi test abbiamo lavorato per adattare la ID. R a questo circuito unico, in particolare per quanto riguarda il telaio. La gestione dell’energia, invece, funziona già molto bene. Abbiamo rispettato il programma dei test sugli elementi più importanti, tra cui la comparazione di diversi pneumatici del nostro partner Bridgestone”.

Le modifiche apportate alla ID R

Naturalmente, non si può pensare che la stessa vettura che ha fatto segnare il miglior tempo alla Pikes Peak Hill Climb possa fare lo stesso sull’insidioso circuito del Nürburgring senza alcuna modifica. Per questo i tecnici della Volkswagen Motorsport hanno continuato a sviluppare in maniera consistente la ID R. La modifica più significativa è sicuramente l’ala posteriore più bassa dotata di DRS (Drag Reduction System) attivo, dato che la vettura toccherà velocità di punta ben maggiori rispetto al Pikes Peak. Come spiega François-Xavier Demaison, Direttore Tecnico della Volkswagen Motorsport: “Al Nordschleife, la ID. R terrà una velocità media di oltre 180 km/h, con punte vicine ai 270 km/h in rettilineo. Per questo abbiamo sviluppato una nuova aerodinamica con DRS (Drag Reduction System), tecnologia resa nota dalla Formula 1, oltre ad avere ottimizzato la gestione dell’energia, che controlla l’erogazione di potenza dei due motori e la rigenerazione in frenata“.

[ Gianni  Heidelberg ]