Home SPORT ePrix Parigi:...

ePrix Parigi: Robin Frijns è l’ottavo, diverso vincitore in otto gare; DS TECHEETAH sempre al comando

CONDIVIDI

Nella prima gara bagnata di un Campionato sempre più interessante e combattuto, Lotterer è secondo su una DS che consolida la leadership nella classifica mondiale della Formula E

Acqua ed elettricità di norma non vanno molto d’accordo e infatti, in questa prima gara bagnata nella storia della Formula E, in pista di scintille… se ne sono viste parecchie!

Sul circuito che si snoda attorno a Les Invalides, Robin Frijns (Virgin Racing) che alla fine ha diviso il podio con André Lotterer (DS) e Daniel Abt (Audi) si è dimostrato molto abile nel gestire sotto la pioggia una monoposto menomata a causa di un danno all’alettone anteriore.

Ma facciamo un veloce passo indietro per trovare, alla fine delle prove, in pole position per la seconda volta in questa stagione, la Mahindra di Pascal Wehrlein che ha preceduto le due Nissan di Oliver Rowland e Sebastien Buemi; cpmpleta il quartetto di testa Frijns, seguito da un Massa in costante progressione e da Jerome d’Ambrosio. Poco dopo Wehrlein, perde la Pole ad opera dei commissari di gara che hanno riscontrato una difformità nella pressione degli pneumatici.

La gara è stata condizionata dal vento che ha accompagnato forti piovaschi, anche a carattere torrenziale, conditi a tratti anche da forte grandine, una situazione che ha indotto la Direzione a dare inizio alla gara in regime di Safety Car; ciononostante il poleman Rowland è finito quasi subito a muro lasciando spazio al compagno di squadra Buemi che, terminato il regime di neutralizzazione, ha attivato come FriJins l’Attack Mode per poi toccarsi con l’olandese e tornare quindi ai box. Lotterer supera Massa e sale in seconda posizione mentre l’ex ferrarista rimane in terza per poi concludere nono, posizione agguantata dopo un contatto che lo aveva retrocesso al dodicesimo posto.

Nel frattempo le condizioni meteo continuavano a peggiorare, costringendo da una parte i piloti a vere e proprie acrobazie a causa delle evidenti difficoltà di trazione e dall’altra, conseguentemente, la Direzione Gara a introdurre il regime di Full Course Yellow, con velocità massima limitata a 50 km/h e monoposto incolonnate sino a 23 minuti dal termine, momento in cui il regime di bandiera gialla è stato revocato grazie al miglioramento delle condizioni climatiche.

Ma i colpi di scena, complice il fondo abbondantemente bagnato, ricominciavano con un immediato impatto contro le barriere da parte di Tom Dillmann mentre Rowland entrava in contatto con Alex Sims causandone il ritiro con conseguente reintroduzione del regime Full Course Yellow al cui termine ri-iniziava la lotta fra Frijns, Lotterer ed Abt per le posizioni di testa mentre Mortara e Lynn si toccavano in curva-13 finendo entrambi a muro provocando l’ennesimo regime di Full Course Yellow nonché l’ingresso in pista della Safety Car.

Rientrata la Safety ai box, Frijns si difendeva con determinazione dagli attacchi di un mai domo Lotterer mentre D’Ambrosio colpiva le barriere.

La gara si concludeva quindi con la vittoria di Frijns seguito da Lotterer su DS, al terzo e quarto posto Daniel Abt ed il compagno di squadra Lucas Di Grassi, al quinto Maximilian Gunther (Dragon Racing), seguito da Vergne, Da Costa, Paffett, Massa e Wehrlein.

Nonostante il pazzo andamento della corsa DS TECHEETAH è ancora in testa alla classifica Team, mentre André Lotterer e Jean-Éric Vergne sono rispettivamente al secondo e sesto posto della Classifica Piloti.

Le dichiarazioni in casa DS

André Lotterer: Oggi a Parigi abbiamo fatto un buon lavoro. È la gara di casa per il team, dove abbiamo conquistato un secondo posto e dei bei punti per il campionato. Ero alle calcagna di Robin, tentando di passare in prima posizione, ma la pioggia ha ridotto notevolmente il grip. Tutto stava diventando troppo pericoloso, quindi ho deciso di salvaguardare la posizione fino alla fine. Sarebbe stato rischioso tentare qualunque tipo di attacco. Il team ha dato il massimo e anche Jean-Éric ha fatto una buona gara. Guidiamo la classifica team e siamo secondi a un punto dal leader nella classifica piloti, quindi vedremo cosa possiamo fare nella prossima gara”.

Jean-Éric Vergne: L’E-Prix di Parigi si è concluso. Complimenti ad André per aver conquistato ancora una volta il secondo posto, molto utile per il team perché ci permette di allungare il vantaggio in classifica. Per quanto mi riguarda, ho avuto emozioni contrastanti. Le qualifiche per me sono andate molto male, molto bene invece la gara. Partire dodicesimo e finire al sesto posto era il massimo che potessi fare oggi. Sono contento di mettere in tasca questi punti, che potrebbero fare la differenza alla conclusione del campionato a New York. Adesso mi fa piacere pensare a Monaco e provare a migliorare tutto. L’obiettivo è conquistare ancora punti e…la mia seconda vittoria della stagione”.

Mark Preston, Team Principal DS TECHEETAH: Grande prestazione oggi per tutti e due i piloti. Entrambi sono riusciti a effettuare dei sorpassi in un circuito in cui tutti sanno che è quasi impossibile sorpassare. Il podio conquistato nella seconda gara di casa trasmette a tutti noi una bella sensazione, quindi complimenti ad André per la prestazione di oggi: la sua prima vittoria è proprio dietro l’angolo”.

Xavier Mestelan Pinon, Direttore di DS Performance: “Parigi è sicuramente una delle gare più difficili della stagione e il meteo è stato decisamente destabilizzante. In queste condizioni la performance del team e dei nostri due piloti è stata realmente eccezionale. André Lotterer ha portato a termine una gara esemplare concludendo al secondo posto, come a Roma. E questa è anche la sua posizione nella Classifica Piloti, a un punto dalla testa. Jean-Éric Vergne è riuscito a raggiungere il plotone di testa, in condizioni caotiche, e ha permesso a DS TECHEETAH di consolidare la sua posizione alla testa della Classifica Team. Questi punti sono vitali per il futuro del campionato, poiché anche il minimo errore potrebbe costare caro al team. Ora guardiamo alla manche di Monaco tra 15 giorni, e voglio complimentarmi per il notevole lavoro dei nostri piloti e del team DS TECHEETAH”.

[ Redazione testMotori360 | sicurezza & SPORT ]

 

Classifica ePrix Parigi 2019

  1. Robin Frijns (Audi) 32 giri
  2. Andre Lotterer (DS) +1’’373
  3. Daniel Abt (Audi) +3’’175
  4. Lucas Di Grassi (Audi) +3’’666
  5. Maximilian Gunther (Penske) +5’’456
  6. Jean-Eric Vergne (DS) +’’694
  7. Antonio Felix da Costa (BMW) +7’’238
  8. Gary Paffett (Venturi) +7’’901
  9. Felipe Massa (Venturi) +10’’522
  10. Pascal Wehrlein (Mahindra) +10’’998
  11. Sam Bird (Audi) +11’’488
  12. Oliver Rowland (Nissan) +19’’451
  13. Jose Maria Lopez (Penske) +24’’023
  14. Oliver Turvey (NIO) +1’22’’226
  15. Sébastien Buemi (Nissan) + 1 giro
  16. Mitch Evans (Jaguar) + 1 giro

Ritirati
Jerome D’Ambrosio, Alex Lynn, Edo Mortara, Stoffel Vandoorne, Alexander Sims, Tom Dillmann