Home AUTO Sicurezza Ford: una tavola rotonda sui problemi legati al sonno in occasione del...

Ford: una tavola rotonda sui problemi legati al sonno in occasione del #WorldSleepDay

CONDIVIDI

Tecnologie Ford. Destinazione sicurezza. Ford Sleep Suit: disturbi del sonno e guida responsabile, in collaborazione con Sonnomedica, il Centro di Medicina del Sonno

 

 

Il World Sleep Day (Giornata Mondiale del Sonno) viene organizzata ogni anno dal 2008, nel venerdì prima dell’Equinozio di primavera, dalla World Sleep Day Committee della World Sleep Society, con l’obiettivo di sensibilizzare le persone sui problemi legati al sonno.

Da allora la manifestazione è arrivata alla sua dodicesima edizione, caratterizzata dalla partecipazione alla Tavola Rotonda dell’Ovale Blu con l’intervento: Tecnologie Ford. Destinazione sicurezza. Ford Sleep Suit: disturbi del sonno e sicurezza alla guida – in collaborazione con Sonnomedica – allo scopo di indagare l’importante relazione tra l’eccessiva stanchezza, dovuta alla mancanza di sonno e la sicurezza alla guida, sotto i diversi punti di vista medico, legale e sociale.

Non sottovalutare la stanchezza, guidare in condizione di eccessiva sonnolenza, può essere pericoloso tanto quanto farlo in stato di ebrezza tanto che gli esperti sottolineano che un’assenza di sonno superiore alle 18 ore, può avere sul corpo gli stessi effetti dell’assunzione eccessiva di alcool ed è la causa di 1 incidente su 5.

La Ford ha, quindi, chiesto ai suoi esperti di creare la nuova Ford Sleep Suit che consente, a chi la indossa, di sperimentare gli effetti della stanchezza eccessiva grazie a speciali visori che simulano lo stato di eccessiva stanchezza, inclusi i brevi addormentamenti, i così detti micro-sonni, che ne costituiscono un effetto incontrollabile

A questo proposito il Dott. Gundolf Meyer Hentschel, CEO del Meyer Hentschel Institute, che ha sviluppato la Sleep Suit ha dichiarato che “Guidare quando si è stanchi significa guidare come uno zombie, diventando un pericolo per sé stessi, per i passeggeri e per gli altri utenti della strada. I giovani spesso si sottopongono a una “privazione di sonno intenzionale”, sforzandosi di rimanere svegli, per non perdersi neanche un istante della loro intensa vita sociale, delle interminabili ore lavorative oppure di studio”.

Al volante, i micro-sonni possono provocare periodi di guida di 10 secondi o più, «totalmente al buio» durante i quali vengono percorsi centinaia di metri. E la cosa preoccupante è che, in seguito, potrebbe non esserci alcun ricordo di quanto accaduto.

La Ford Sleep Suit contiene dei visori che, connessi a una app per smartphone,  possono essere impostati per simulare un improvviso blackout del cervello e l’effetto di annebbiamento della vista o di «totale buio», per una frazione di secondo, fino a un massimo di 10 secondi; questi visori, indossati insieme al resto della speciale attrezzatura (casco, giubotto, polsiere e cavigliere, che hanno un peso totale di più di 18 kg) creano l’effetto di forte indebolimento vissuto dai guidatori molto stanchi.

La Ford Sleep Suit, è l’ultima delle speciali suit sviluppate dall’Ovale Blu in collaborazione con i ricercatori del Meyer-Hentschel Institute, in Germania e che segue le già note Drink Driving Suit, Drug Driving Suit e Hangover Suit, ideate per simulare le alterazioni sensoriali conseguenti all’assunzione di alcol o di sostanze stupefacenti e ai postumi di una «notte di bagordi».

Il progetto di queste Suit nasce dalla continua evoluzione del Ford Driving Skills For Life (DSFL), che si sostanzia nella ricerca di canali e strumenti di comunicazione idonei a stimolare l’interesse dei ragazzi, creando opportunità di attivazione basate sulle loro stesse modalità di interazione.

Inoltre, per continuare il proprio impegno nella sensibilizzazione sui temi della guida responsabile, anche sotto il profilo sociale, Ford ha lanciato la nuova campagna video Less is All con il messaggio: “Bastano pochi secondi per perdere tutto”, associato agli hashtag #DontSleepAndDrive e #WorldSleepDay.

La campagna, diffusa attraverso i social media, vuol far riflettere sul tema della eccessiva stanchezza e si basa su video, della durata di 15”, di cui viene oscurata una piccola parte della scena, quella più importante, in modo tale da perderne tutto il significato, proprio come può accadere quando si è alla guida e si sprofonda in uno stato di black-out totale dovuto al sonno.

Nella seconda parte del montato viene conseguentemente lanciato il messaggio e spiegato il significato: Bastano pochi secondi per perdere tutto. Quando hai sonno, non metterti alla guida.”. I soggetti dei video sono diversificati (dallo sport, agli animali fino a video virali classici) per poter colpire differenti target di spettatori in base alle loro preferenze.

L’evento si inserisce all’interno del progetto Safe & Educational 2019 ossia dell’impegno dell’Ovale Blu nell’area della Corporate Social Responsibility che si declina in alcune attività, come il Ford Driving Skills For Life (DSFL), il programma di corsi gratuiti di guida responsabile, e Ford Share The Road.

 

[ Redazione testMotori360 | sicurezza & SPORT ]