Home Senza categoria Il binomio «DD», Ducati-Dovizioso vince a Losail ma gli altri non ci...

Il binomio «DD», Ducati-Dovizioso vince a Losail ma gli altri non ci stanno!

CONDIVIDI

Ricorso alla Corte d’appello della FMI da parte di Honda, KTM, Aprilia e Suzuki, si tira fuori la Yamaha

Una corsa combattuta con vittoria «DD» spannometrica sul duetto Honda Marquez e Crutclow giunti secondo e terzo rispettivamente a 0023 e 0320” dalla Ducati di Dovizioso, un distacco che la dice lunga sulla lotta che ha caratterizzato la corsa e che ha visto un Rossi arrembante risalire dalla 14° alla 5° posizione mentre la Yamaha di Vinales non riusciva ad onorare la sua bella pole position.

Da sottolineare, purtroppo, che la lotta in pista ha ceduto il passo alla lotta su carta: il dopo corsa è stato infatti caratterizzato dai reclami presentati dalle squadre Honda, KTM, Aprilia e Suzuki contro la Ducati di Dovizioso, rea di aver montato una appendice aerodinamica sulla ruota posteriore utilizzabile – secondo i reclamanti – solo in caso di pioggia; il reclamo, inizialmente respinto, è stato reiterato e per questo girato dalla Direzione di gara alla Corte d’Appello delle Federazione Motociclistica Internazionale a cui le suddette squadre potranno inviare ulteriore documentazione tecnica a supporto delle loro motivazioni.

Tornando alla gara, tutti i concorrenti (tranne Petrucci che ha montato gomme a mescola morbida), hanno optato per le gomme medie; al pronti via il più pronto è proprio Dovizioso mentre Petrucci non riesce a sfruttare il vantaggio-gomme e viene assorbito dal gruppo mentre il primo se l’è dovuta vedere con Rins determinato ma non al punto di riuscire a difendere il suo primato temporaneo mentre Dovizioso e Marquez si involavano combattendo per la vittoria con continui scambi di posizione sino ad un piccolo errore in cambiata di Dovizioso, conseguente infilata di Marquez e veemente reazione di Dovizioso che sostenuto da una Ducati da sballo, ri-infilava lo spagnolo andando a vincere praticamente al foto-finish.

Da evidenziare anche la gara di Quartaro (Yamaha) che, partito dai box, non è entrato per poco in zona punti, facendo però capire a suon di giri record che, in diversa situazione di partenza, la musica sarebbe tutt’altra. 

[ Giovanni Notaro ]

 

Classifica (sub-judice)

1. Dovizioso – Ducati 42:36:902

2. Marquez – Honda +0:023

3. Critchlow – Honda +0:320

4. Rins – Suzuki +0:457

5.Rossi – Yamaha +0:600

6. Petrucci – Ducati +2:320

7. Vinales – Yamaha +2:481

8. Mir – Suzuki +5:088

9. Nakagami – Honda +7:406

10. Espargaro – Aprilia +9:636

11. Morbidelli – Yamaha +9:647

12. Espargaro P. – KTM +12:774

13. Lorenzo – Honda +14:307

14. Iannone – Aprilia +14:349

15. Zarco – KTM +15:093

16. Quartararo – Yamaha +15:905

17. Oliveira – KTM +16:377

18. Abraham – Ducati +22:972

19. Rabat – Ducati+23:039

20. Syharin – KTM+43:678