Home SPORT Formula E: i bolidi elettrici per le strade del Marocco

Formula E: i bolidi elettrici per le strade del Marocco

CONDIVIDI

Tante le attese, più di tutte quella del team Mahindra, che in Marocco è già stato vincitore

Domani, sabato 12 gennaio, alle ore 16.00 si disputerà la seconda gara di Formula E in Marocco, nella splendida città di Marrakech. Molte le squadre in pista ma una in particolare non intende mollare in nessun modo. Si tratta del team Mahindra, già vincitore nelle strade marocchine, grazie al talentuoso pilota Felix Rosenqvist. Anche in questo 2019 la squadra sta ottenendo risultati molto positivo, basti pensare che il pilota Jérôme D’Ambrosio ha raggiunto la terza posizione nella gara inaugurale in Arabia. Inoltre la presenza del giovane tedesco Pascal Wehrlein, promessa della Formula E famoso per la sua velocità e determinazione, sembra preannunciare un percorso determinato ma divertente per gli spettatori.

Il percorso marocchino è lungo 2,9 km, in un susseguirsi di curve strette che renderanno i sorpassi impossibili anche ai più temerari. Ad arricchire la corsa ci sarà il confronto generazionale tra le monoposto GEN2 e quelle delle scorse edizioni. Domenica 13 gennaio si svolgeranno, sempre sullo stesso percorso cittadino, le prove libere, che determineranno le performance delle monoposto.  Le due Mahindra M5Electro saranno lasciate al belga Sam Dejonghe collaudatore di sviluppo al Simulatore, che già aveva portato al debutto pubblico la monoposto  lo scorso agosto in Inghilterra, e all’ex pilota di Formula 1 Sergey Sirotkin, che dai rombanti motori del suo mondo si è spostato al silenzio delle monoposto elettriche.

[ Jacopo Romanelli ]