Home AUTO ANTEPRIMA AUTO Nuova Kia Sportage, tante novità per il modello 2019

Nuova Kia Sportage, tante novità per il modello 2019

CONDIVIDI

Oltre ad alcuni particolari estetici, che l’hanno ringiovanita, e un livello di equipaggiamento migliorato, la nuova Sportage ora si propone anche con nuove motorizzazioni, tra le quali spicca il Mild-hybrid da 2 litri con 185 cv e l’1,6 Diesel disponibile con 115 o 136 cv, quest’ultimo anche con la trazione AWD Active on-Demand

Per la 4a generazione della Sportage, presentata a gennaio 2016, Kia ha ora dedicato un attento aggiornamento che ha interessato il design di alcuni particolari sia esterni che interni, l’inserimento delle più recenti tecnologie per la sicurezza e assistenza alla guida, ma soprattutto due nuove motorizzazioni Diesel. Il precedente 1,7 litri viene sostituito da un più efficiente 1,6 litri, declinato in 2 livelli di potenza, 115 e 136 cv, ma soprattutto per la prima volta su Sportage il Diesel da 2 litri Ecodynamics+ con l’innovativo sistema Mild-hybrid a 48 V che eroga 185 cv, è abbinato ad una trasmissione automatica a 8 rapporti e logicamente ha la trazione AWD Active on-Demand.

Ridotta anche la scelta tra le varianti, prima erano 4, con la entry level Active seguita dalla Cool, GT Line e Rebel, ma considerando la «maturità» del modello, Kia ha preferito rinunciare alla Active, interessante per il prezzo, ma più povera di contenuti proponendo adesso la Business Class, seguita dalla Energy e la GT Line.

Ora gli allestimenti sono 3, ma più completi già di serie e con motori più moderni e più rispettosi dell’ambiente, con consumo ed emissioni drasticamente abbattuti grazie al sistema ISG (Idle Stop&Go) presente su tutte le motorizzazioni.

Con la nuova Sportage, Kia prosegue sulla strada dei modelli «eco-compatibili» e con grande attenzione all’idrogeno come alternativa all’elettrico, nel 2020 sarà proposto un modello Fuel-Cell. Senza trascurare gli altri sistemi di alimentazione alternativa, entro il 2025 saranno realizzati da Kia 5 modelli ibridi, 5 ibridi plug-in e 5 full electric, tra questi, nei primi mesi del 2019 arriverà la Niro EV e la Soul EV.

Esterni

Con un efficiente lavoro di squadra tra il Centro Stile Kia a Francoforte, quello coreano di Namyang e quello di Irvine in California, gli aggiornamenti apportati alla nuova Sportage accentuano ulteriormente il suo carattere dinamico e sportivo. Nella parte anteriore si nota uno scudo frontale ridisegnato con i nuovi gruppi ottici full-Led a 4 punti, alloggiamenti per i fendinebbia di foggia diversa e al centro la griglia a «naso di tigre» disponibile sia nella finitura nero lucido che opaco. Anche nella parte posteriore si può notare il nuovo design dei gruppi ottici a Led e le luci di retromarcia ora integrate nel nuovo paraurti.

Per la più sportiva «GT Line» anche le protezioni sottoscocca metallizzate, doppi scarichi posteriori ed esclusivi cerchi in lega da 19″ con pneumatici 245/45 R. Da segnalare anche l’introduzione altri 5 nuovi colori per la carrozzeria: Lunar Silver, Copper Stone, Penta Metal, Cosmos Blue e Blue Flame; l‘unica senza supplemento è la Copper Stone, per le altre è richiesto un plus da 350 a 850 euro.

Interni

Pur restando invariate le dimensioni esterne con una lunghezza di 4.480 mm, larghezza 1.635 mm, altezza 1.855 mm e passo di 2.670 mm, l’abitabilità della nuova Sportage è migliorata soprattutto per i passeggeri seduti dietro, grazie ad un pavimento abbassato di 40 mm e ad una seduta rialzata di 30 mm. Valori che hanno consentito di aumentare lo spazio sopra la testa (993 mm) e per le gambe (970 mm); inoltre il comfort è accentuato dalla possibilità di regolare la panca su 17 posizioni e reclinare lo schienale da 23 a 37 gradi.

La versione GT Line viene proposta con una particolare finitura bicolore nero/grigio per i sedili in tessuto, per un aspetto più sportivo si può richiedere come optional il rivestimento in pelle nera con cuciture rosse.

Adeguata la cubatura di 480 litri del vano bagagli, che scende a 491 litri se anziché il mobility kit si inserisce sotto il pianale il più utile ruotino di scorta (200 euro). Nel caso si scelga la nuova motorizzazione Diesel da 1,6 litri, la cubatura scende a 467 litri per la presenza del serbatoio di urea del sistema per la riduzione della emissioni SCR (Selective Catalytic Reduction), mentre con il 2 litri mild hybrid ci si deve accontentare di 439 litri. Valori che però salgono di circa +1.000 litri se si ribaltano gli schienali posteriori.

Motorizzazioni

Il nuovo motore Diesel da 1,6 litri CRDi «U3» è il Diesel più pulito ed efficiente mai prodotto da Kia, va a sostituire il precedente da 1,7 litri e sarà quello che senz’altro interesserà maggiormente la clientela italiana. Disponibile sia con 115 che 136 cavalli e una coppia rispettivamente di 280 e 320 Nm, secondo i test WLTP (Worldwide Light Vehicles Test  Procedure) hanno valori di emissioni di CO2 particolarmente bassi, rispettivamente 145÷157 g/km e 152÷165 g/km. Equipaggiato con il filtro SCR (Selective Catalytic Reduction) le emissioni di particolato e NOx vengono drasticamente abbattute, nel pieno rispetto dei parametri imposti dalla normativa europea 6d.

Il motore da 115 cv è disponibile «solo» abbinato ad un cambio manuale a 6 marce con trazione anteriore e «non» nell’allestimento GT Line, mentre il 136 cv è disponibile anche con un cambio automatico DCT a 7 rapporti con selettore modalità di guida e nell’allestimento GT Line con i paddles al volante e, per la prima volta, anche con la trazione AWD Active on-Demand.

Minime le differenze per quel che riguarda le prestazioni a favore del 136 cv che dichiara una velocità massima di 180 km/h (+5 kmh) e lo 0-100 in 11,2 secondi (11,8 s), lo stesso vale per il consumo con i nuovi parametri WLTP, 5,8÷6,3 l/100 km (5,5÷6,0 l/100 km), ovviamente in questo caso i valori sono minimamente a favore del 115 cv.

Sebbene siano gli stessi della Sportage uscente, è doveroso menzionare il motore a benzina 1,6 litri GDi a iniezione diretta che nella versione aspirata eroga 132 cv e turbo da 177 cv. Il primo è abbinato ad un cambio manuale a 6 marce e trazione anteriore, il secondo con un cambio DCT a 7 rapporti e trazione AWD Active on-Demand.

Assistenza alla guida e infotainment

Questo è un argomento che può essere determinante nella scelta di modello e Kia ha voluto stare al passo dotando la nuova Sportage con i più avanzati sistemi di assistenza alla guida e di infotainment disponibili in modo da posizionarsi ai vertici del segmento. Soprattutto la sicurezza, sia attiva che passiva, è sempre stato un punto di priorità assoluta per Kia, tanto da superare brillantemente i test «Safety Assist» di Euro NCAP che riguardano la prevenzione degli incidenti o quantomeno la riduzione delle loro conseguenze. Oltre agli airbag frontali, laterali e a tendina, sulla nuova Sportage troviamo di serie il VSM (Vehicle Stability Management) che interagendo con l’ESC (Electronic Stability Control) mantiene sotto controllo la stabilità in curva e in frenata, al fine di consentire al guidatore di controllare la vettura in ogni situazione.

Poi a seconda degli allestimenti si possono avere altre tecnologie di assistenza, tra queste lo Smart Cruise Control con Stop&Go, il Driver Attention Warning che segnala disattenzioni alla guida e l’Around View Monitor per una visione a 360° intorno alla vettura e facilitare le manovre di parcheggio.

Per quel che riguarda l’infotainment è da segnalare il nuovo schermo touch da 7 pollici al centro del cruscotto con Radio digitale DAB con 6 altoparlanti da 160 Watt, Apple Car Play e Android Auto con retrocamera disponibile di serie già dall’allestimento Business Class. Dall’allestimento Energy c’è anche l’ultima evoluzione del sistema di navigazione Kia AVN (Audio Visual Navigation) integrabile con l’ultima generazione del Connected Services che segnala importanti informazioni dal circuito TomTom relativamente ad aggiornamenti sul traffico, eventuale presenza di controlli di velocità, stazioni di servizio con i relativi prezzi del carburante e disponibilità di parcheggio.

Su strada

Guidare la nuova Sportage è un piacere, la posizione di guida ideale si trova facilmente con la regolazione elettrica, un po’ meno con il sistema manuale. La visibilità è buona soprattutto nei 180° anteriori, un po’ meno dietro a causa dei grossi montanti posteriori, ma ci sono gli specchietti esterni e la telecamera che svolgono bene il loro lavoro nelle manovre di retromarcia e parcheggio. Il contenimento laterale dei sedili anteriore è appena accennato anche nel più sportivo allestimento GT Line oggetto di questo breve «Primo Contatto» alle porte di Milano e sulle divertenti strade della campagna che collegano i piccoli borghi e le cascine a nord di Pavia.

Il motore Diesel da 1,6 litri con 136 cv è il giusto compromesso per la Sportage, la differenza rispetto ai 115 cv del precedente 1,7 litri è tangibile, inoltre, sebbene la trazione AWD non sia permanente, ma Active on-Demand come consuetudine anche su altri modelli, la stabilità e la trazione è sempre precisa, sia sull’asfalto in uscita dalle curve che sullo sterrato. La gestione elettronica del sistema AWD non presenta «buchi» e quando serve le ruote posteriori aiutano a «disegnare» la curva, complice anche la sospensione indipendente specificatamente tarata nella GT Line.

La manovrabilità del cambio manuale è precisa, anche se sarebbe da preferire l’automatico DCT a 7 rapporti disponibile in alternativa per soli 2.000 euro in più con questa motorizzazione. I 6 rapporti del cambio manuale consentono una guida tradizionale e rilassata, la coppia di 320 Nm ne limita l’uso, però su un tracciato curvilineo e in città, dove manovrarlo è una necessità, troppo spesso si deve tenere il volante con una mano sola.

Versioni e costi

I prezzi partono da 24.500 euro per la Business Class a benzina da 1,6 litri, fino a 38.500 euro per la top di gamma GT Line Ecodynamics+ Mild-hybrid.

Le dotazioni e gli equipaggiamenti inclusi negli allestimenti, Business Class ed Energy sono abbastanza complete, basta solo scegliere con quale motore abbinarli, tuttavia per avere un allestimento ottimale è meglio optare subito per la GT Line.

Il modello utilizzato per questo «Primo Contatto» è una GT Line con motore Diesel 1,6 CRDi da 136 cv e trazione AWD il cui costo è di 34.250 euro e c’è da dire che in questo prezzo sono inclusi la maggior parte dei Pack che comprendono un’ampia gamma di assistenze alla guida. È stato però inserito il Premium Pack (2.000 euro) che comprende lo schermo da 8″, la visualizzazione a 360°, il Navigation System e il portellone posteriore a comando elettrico.

Presente anche il Tetto panoramico (1.000 euro) e la verniciatura Clear White (350 euro) per un totale di 37.600 euro.

Questo fine settimana (15-16 settembre) ci sarà il Kia Open Door per venire a contatto con la nuova Sportage e fino a fine ottobre Kia ha attivato una promozione che consente di risparmiare fino a 4.000 euro.

 

[ Paolo Pauletta ]

Pro & Contro

+ Linea ancora più piacevole

+ Rifiniture adeguate

+ Motore 1,6 litri da 136 cv

+ Trazione AWD = maggiore sicurezza di guida

– Sedili anteriori poco contenitivi

– 200 euro per il ruotino di scorta è un po’ troppo

– Portellone posteriore elettrico solo con il Premium Pack, potrebbe essere di serie

– Per un SUV, 172 mm da terra sono pochi

I NOSTRI VOTI
Qualità prezzo
80 %
Posizione di guida
83 %
Cruscotto
85 %
Visibilità
84 %
Comfort
82 %
Motore
87 %
Ripresa
85 %
Cambio
82 %
Frenata
Frenata %
Sterzo
84 %
Tenuta strada
85 %
Dotazione
82 %
CONDIVIDI