Home SPORT Alessandro Zanardi e BMW ancora una volta insieme

Alessandro Zanardi e BMW ancora una volta insieme

CONDIVIDI

A fine agosto «Zanna» sarà pilota ospite BMW in una gara del DTM al volante di una BMW M4 DTM

E vai! A cinquantuno primavere compiute la nostra leggenda vivente vivrà a Misano la sua prima esperienza di DTM, una categoria particolarmente competitiva e fortemente selettiva. BMW ha pensato di fare, per questo debutto, il classico giro di opinioni domandando ad alcuni addetti ai lavori ottenendo riscontri dai risvolti a volte inattesi.

Ecco quindi le risposte alle domande poste a piloti ed addetti ai lavori del DTM: dal Presidente ITR Gerhard Berger, al pilota Gary Paffet, dall’ex pilota Audi Mattias Ekström, al pilota BMW Timo Glock, da Bruno Spengler a Marco Wittmann, entrambi piloti BMW DTM ed infine da Philipp Engel, altro pilota BMW DTM al dott. Riccardo Ceccarelli, medico del team BMW.

Gerhard Berger, Presidente di ITR: «Signor Berger, cosa si aspetta dalla stella ospite del DTM Alessandro Zanardi?»

“Il DTM non vede davvero l’ora che arrivi Misano: una gara notturna, la costa adriatica, il concerto di Gianna Nannini e, soprattutto, la partecipazione di Alex Zanardi – sarà un festival motoristico molto speciale per questa fine di agosto! Non vediamo l’ora che si realizzi e siamo curiosi riguardo le performance di Alex al volante della BMW M4 DTM in questo campo estremamente competitivo del DTM. Alex era presente a Budapest all’inizio di giugno per farsi un’idea del DTM. Era chiaro a tutti che si stava avvicinando a questo evento con grande gioia e curiosità, ma anche con il necessario supporto dell’ambizione. In qualità di campione di IndyCar e pluripremiata medaglia d’oro alle Olimpiadi, Alex è famoso per essere sempre pronto e motivato ogni volta che affronta una sfida sportiva. Le gare di questa stagione hanno dimostrato con enfasi che il DTM è una competizione del più alto livello”.

Gary Paffett, pilota Mercedes: «Come viene vissuta dagli avversari la presenza di un ospite del calibro di Zanardi nel DTM?»

“Seguivo Alex correre in IndyCar. È stato un pilota di incredibile successo e veloce fino all’incidente che ha avuto al Lausitzring, un evento tragico, davvero. Ma da allora è stato di grande ispirazione. Ritornare in pista e competere ad alto livello in numerose discipline è fonte d’ispirazione per chiunque e mostra la passione per il motorsport e per la competizione che lo guida. Che lui venga, guidi e gareggi per un weekend nel DTM è meraviglioso. È una gara così competitiva che penso che inserirsi sarà incredibilmente difficile per lui, ma è ovviamente pronto per la lotta e non vedo l’ora di vederlo in pista a Misano. Ancora una volta, è davvero fantastico che abbia fatto questo tipo di scelta e abbia la possibilità di venire a correre nel DTM con noi”.

Mattias Ekström, ex pilota Audi: «Com’è correre nel DTM in qualità di ospite in griglia?»

“È stato bello partire come pilota ospite. Volevo dire addio ai miei fan e sono stato in grado di dare gas e divertirmi senza provare alcuna pressione. I risultati della gara non erano poi così significativi”. Sarà la stessa cosa anche per Zanardi? Sinceramente non lo crediamo; conoscendo l’impegno nella preparazione psico-fisica del pilota italiano, le capacità di pilotaggio, sempre di grande livello, e la grinta da cui il nomignolo «Zanna» deriva, pensiamo a qualcosa di più che non una semplice passerella o un’operazione nostalgia: a nostro avviso Zanardi non arriverà ultimo e questo, senza specifica esperienza ed allenamento nella categoria, già sarebbe un risultato eccellente.

Timo Glock, pilota BMW nell’attuale Campionato DTM, alla domanda «qual è la più grande sfida nell’affrontare per la prima volta una gara di DTM?» risponde “Ricordo ancora di aver avuto davvero una bella sensazione dopo i test. Poi sono arrivato alla prima gara e tutto era diverso. La sfida non deve spaventare. Tutto è diverso in un week-end di gara del DTM. Il programma è molto fitto. Hai certamente bisogno di abituarti. Tuttavia, sono certo che Alex riuscirà a cavarsela bene a Misano”.

Bruno Spengler, pilota BMW DTM a chi gli chiede «cosa differenzia la BMW M4 DTM da una GT o una vettura turismo?» spiega che: “La BMW M4 DTM è completamente diversa da una GT. Viene sviluppata secondo i più alti standard. Le velocità in curva sono entusiasmanti, a causa dell’elevata quantità di carico aerodinamico. È anche notevolmente più leggera. Le temperature nell’abitacolo sono in realtà inferiori rispetto a un’auto GT. È un po’ come guidare una Formula, ma Alex lo sa bene grazie ai suoi trascorsi. In quanto tale, penso che si divertirà molto nella BMW M4 DTM“.

E questo è un filmato che fa capire a cosa va incontro il nostro Zanardi.

Marco Wittmann, pilota BMW DTM, dice che “Una gara in casa è sempre una speciale, perché qui ci sono molti fan e sostenitori. Anche tutti i tuoi familiari e amici sono di solito lì per supportarti. C’è anche molto più interesse da parte dei media. L’attenzione è puntata su di te. Se poi hai successo, è ovviamente ancora più divertente. Ovviamente spero che Alex faccia bene nella sua gara di casa ma, qualunque cosa accada, sarà sicuramente un evento molto speciale per lui“.

Philipp Engel, altro pilota BMW DTM che come tutti ha un’alta opinione di Zanardi, commenta il suo debutto a Misano dicendo “Credo che non puoi permetterti di lasciarti distrarre troppo da tutto quello che succede intorno a te. Tutto quello che devi fare è guidare il più velocemente possibile intorno a un circuito. E Alex può farlo con gli occhi chiusi“.

Ed infine il dott. Ceccarelli che, alla domanda «qual è il modo migliore per prepararsi al weekend di gara del DTM?» risponde “Per Alex, di sicuro, non sarà fisicamente un problema perché tutti sanno che è super in forma. Concorre nel paraciclismo ai più alti livelli, nelle Paralimpiadi e ai campionati del mondo. Ho anche avuto la possibilità di vedere come si è comportato nella gara 24 ore a Spa. Il lato fisico è il minore dei problemi per Alex. L’unica cosa di cui ha bisogno è di tornare con grinta alla sua precedente esperienza di sprint racing. È più un adattamento dal lato mentale perché, al momento, la sua esperienza è nell’area di resistenza, sia nel paraciclismo che nelle corse. Per lui si tratterà di prepararsi per essere mentalmente pronto per le qualifiche e per condurre all’attacco la gara sprint“.

Alessandro Zanardi, brand ambassador di BMW

Da clinico e da profondo conoscitore di uomini e meccanismi del nostro sport, il dott. Ceccarelli ha illustrato da par suo la situazione che Zanardi dovrà affrontare: una prova breve ma intensa e brutalmente impegnativa.

Siamo tutti in attesa e, ovviamente, noi di «testMotori360» e «Motori360» tifiamo per il grande «Zanna».

[ Giovanni Notaro ]